DIAGNOSI ENERGETICA

SETTORE CIVILE

Le linee guida della diagnosi energetica del settore civile sono definite dalla Norma UNI CEN 16247 – 1,2. A completamento delle metodologie previste dalla norma, che prevede: acquisizione informazioni sull’edificio, rilevo delle caratteristiche costruttive (dimensioni, tipo di materiali),  rilievo impianti, Valutazione della performance energetica, confronto con i dati reali di consumo attuali. Sui questi dati di riferimento si individuano possibili interventi migliorativi (almeno 3 in genere) e di ciascuno si valutano i risparmi energetici attesi a fronte dei costi di realizzazione, ordinati in base al rendimento economico decrescente.  Il risultato dell’analisi economica viene fornito al Cliente affinché  possa  confrontare diverse ipotesi di investimento da effettuare in proprio o concordare con una ESCO. IN questo ultimo caso, ST sarà a fianco del Cliente nella definizione del contratto di servizio energetico a risultato garantito. 

 

DOWNLOAD BROCHURE

Diagnosi Civile

DIAGNOSI ENERGETICA CIVILE E INDUSTRIALE

La Diagnosi energetica del settore industriale è prevista (anche in termini obbligatori per le Grandi Aziende e dalla Aziende aziende ”energivore”)  dal Dlgs 102/2014. Le modalità della redazione della Diagnosi sono definite in primo luogo (metodologia) dalla Norma UNI CEN 16247 1,3. Ulteriori indicazioni di modalità della redazione sono state ulteriormente definite dall’ENEA che giunge anche a indicare la modalità di formulazione del “Modello Energetico” dell’Azienda stessa. La metodologia richiede quindi la individuazione, da parte dell’Azienda, di alcuni interventi che dovranno essere realizzazti, a condizione che la redditività economica sia positiva.

 

DOWNLOAD BROCHURE

Diagnosi Industriale

DIAGNOSI ENERGETICA

SETTORE INDUSTRIALE